“ECOnfederazione – Diario dalla Svizzera”… Perché?

Accusata di essere troppo critica nei confronti della Svizzera; minacciata (esagerati!) di comparsa precoce di rughe se non avessi smesso di lamentarmi di quello che della Confederazione proprio non mi va giù, ho deciso di accogliere la sfida della positività e di mettere per iscritto i motivi per cui si dovrebbe prendere esempio da quest’enclave nel cuore dell’Europa unita.

Dopo giorni e giorni di riflessioni, ho capito che se c’è una cosa per cui gli elvetici sono da ammirare è la loro capacità di amare il posto in cui vivono. Un “amore” che fa rima con rispetto, qualità in via d’estinzione nel Bel Paese.

Quando, lo scorso anno, amici e conoscenti mi facevano la seguente domanda “Allora come ti trovi in Svizzera? Ti piace il paesaggio?”, io non riuscivo a fare meno di irritarmi. M’indignava pensare che un popolo fosse convinto che uno dei parametri più importanti per misurare la qualità della vita fosse “il paesaggio”. Ebbene, la mia ira era ingiustificata. Apprezzare, valorizzare e curare l’ambiente è un esercizio di civiltà e democrazia equivalente a garantire a tutti uno stile di vita dignitoso (e sano).

Ecco allora la decisione di aprire un blog su Eco dalle Città per raccontare le storie di quella Svizzera che mi piace, che ammiro e da cui c’è da imparare. Ecco allora spiegata la scelta del titolo “ECOnfederazione – Diario dalla Svizzera” declinato secondo questa presentazione: “Diario di un’italiana emigrata in svizzera dal cuore umanitario, le gambe ecologiche e la vista polemica. Cosa c’è da imparare da un paese-paradiso fiscale che parla tre lingue non-comunicanti tra loro, è incapace di avere un giornale nazionale ma ha il servizio militare obbligatorio? C’è da imparare, ad esempio, ad amare di più il luogo in cui si vive; laddove “amore” sta per rispetto”.

All’incirca una volta alla settimana utilizzerò questa finestra per esercitare la mente e il mio sguardo – famosi per essere critici e polemici – a cambiare direzione. Leggetemi, se vi va. Prometto che sarò breve e il più possibile divertente.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cose svizzere, GreenLife

A/R, Losanna-Ginevra

Una telefonata in un B&B di Cambridge e via, una ventata di novita’ ti scuote dalla testa ai piedi. C’est la vie, les amis. E poi succede che, proprio quando tutto sembra andare nel verso giusto, le belle notizie ti si presentano tutte insieme davanti alla porta e tu non sai chi fare entrare prima. Chiaro, le vorresti tutte intorno al tavolo a bere e pasteggiare insieme a te. Ma non e’ cosi’ che van le cose; e allora fai una scelta.

Il 13 aprile 2012 ho preso la palla al balzo e sono tornata in Confederazione, con una duplice intenzione: 1)  esplorare e progettare (dalla stessa stanza e non piu’ via Skype)  insieme al mio compagno di viaggi preferito e 2)  seminare nuova conoscenza da raccogliere e usare laddove, prima o poi, mi installero’.

La strada e’ in salita, irta di bivi e personaggi che mi parleranno in lingue sconosciute. Ma nel mio zaino le storie di coloro che prima di me hanno camminato, a passo lento e con saggezza, sulla stessa rotta convivono con i desideri e le speranze odierne e future.  La marcia ha una direzione precisa; ed e’ con questa prospettiva che puo’ partire  la nuova avventura!

2 commenti

Archiviato in Cose svizzere, Vite migranti

Perugia #ijf12: le cose che ho imparato

Mattia, Serena e Donata – Inviati VpS al Festival. Photo by @dontyna

La scorsa settimana ho fatto un salto a Perugia per il Festival di giornalismo #ijf12. Se dovessi raccontare questa esperienza in numeri, sarebbero questi: 14 ore di autostrada, 2 compagni di viaggio, 3 giornate di conferenze e workshop, 1 intervista, 1 articolo pubblicato, 1 mini-metro, 0,90 centesimi di pizza margherita, 1 pranzo in trattoria, 50 minuti di camminata per tornare all’ostello, camerata numero 7. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Vita da giornalista

One way: except cycles!

Come già accade nel resto d’Europa (UK, Francia, Germania…) anche in Italia le biciclette potranno circolare in entrambi i sensi di marcia nelle strade a senso unico delle Zone 30. Una bella notizia per chi quotidianamente affronta la gincana cittadina animata da traffico compulsivo, semafori, piste ciclabili occupate da veicoli o interrotte da pali della luce. Tiè agli automobilisti! Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in GreenLife