Archivi categoria: Attivi-tà sul web

Cervelli di ritorno

Da qualche mese curo un blog sul magazine Vita.it. L’ho intitolato “Cervelli di ritorno”, per fare il verso all’espressione cervelli-in-fuga che pare andare di moda in questi tempi.

bag
In questo blog racconto le storie dei cervelli-in-fuga che hanno fatto ritorno in Italia, ma anche di coloro che hanno deciso di non partire e di chi ha messo in piedi reti e iniziative per offrire ai giovani del proprio territorio la scelta di restare. Un blog per parlare di storie di successo e di buone pratiche che diano concretezza ed evidenza a quel “si può fare” di cui, insieme a tanti altri, mi faccio promotrice.

Se hai un’idea o un’esperienza da condividere, contattami su Twitter: @SerenaCarta #cervellidiritorno.

Lascia un commento

Archiviato in Attivi-tà sul web

Imprese di tutto il mondo, Watch Out!

Questa settimana prende il via la 42sima edizione del World Economic Forum, l’annuale appuntamento che – per citare il sito ufficiale dell’evento – “incoraggia le imprese, i governi e la società civile a lavorare insieme per migliorare la situazione mondiale” e allo stesso tempo – per citare il Guardian – “concentra in un metro quadrato più miliardari che in ogni altro angolo della terra”. Sede del vertice si riconferma Davos, il resort sciistico più chic della Svizzera a 1.500 metri d’altitudine, per l’occasione militarizzato da 5.000 soldati. Immancabili i contestatori del summit, protagonisti del movimento “Occupy WEF” (@Occupy_WEF), che hanno deciso di marcare la loro presenza costruendo un vero e proprio campeggio di igloo fuori dal modernissimo centro congressi di Davos, per opporsi ancora una volta all’élite economica mondiale.

Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Attivi-tà sul web, Cose svizzere

Incontro con Massoud Akko, blogger e attivista curdo-siriano

“Gli hanno tirato una pallottola in testa ed è morto sul colpo”. Così, sulla chat di Gmail, mi racconta Massoud Akko, giornalista, blogger e attivista per i diritti umani di origine curdo-siriana, che oggi vive in Norvegia come rifugiato politico. La persona che ha ricevuto “una pallottola in testa” è un suo cugino, ucciso in Siria durante una dimostrazione contro il regime di Assad. Storia di ordinaria amministrazione, di questi tempi… Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Attivi-tà sul web, Cose svizzere